Benvenuto nella Rete Civica del Comune di Bibbiano(RE) - clicca per andare alla home page
motore di ricerca

Il Comune

Sindaco, Giunta, Consiglio ...e altre informazioni. Entra in:  Il Comune

Il Territorio

Informazioni sul territorio di Bibbiano Entra in:  Il Territorio

Servizi Online

MODULISTICA, sportelli informativi, casa, ambiente, tributi, sport, territorio... Entra in:  Servizi Online

TERESA VERGALLI

BIOGRAFIA


 

 

 

 

 

Teresa Vergalli è nata a Bibbiano (RE) nell’Ottobre del 1927 da famiglia contadina. Il padre Prospero, combattente della prima guerra mondiale, fu perseguitato per il suo impegno di antifascista e di cooperatore in agricoltura. Nella sua prima infanzia, a soli cinque anni, Teresa, nel giorno stesso della nascita di suo fratello, assiste all’arresto di suo padre che tornerà solo dopo sette mesi, amnistiato per il decennale del 1933.
Nonostante la miseria in un piccolo terreno collinoso, i genitori fanno studiare Teresa, a prezzo di autentici sacrifici e della determinazione della madre Caterina.
All’inizio della guerra, 1941, Teresa studia alle Magistrali a Reggio Emilia e nel 1943 è pronta ad aiutare suo padre che già organizza la resistenza e i CLN. Soltanto nel Febbraio del 1944, entra a pieno titolo nella lotta, quando cioè non può più frequentare la scuola a causa della guerra, e quando riesce a vincere la resistenza dei genitori preoccupati per la sua giovane età.
Tutta la sua famiglia, è al centro di un’intensissima attività di organizzazione, sabotaggio, reclutamento, approvvigionamento per le formazioni armate di pianura e di montagna. Teresa inizia come staffetta a percorrere tutta la zona a Sud della via Emilia non solo per portare messaggi o documenti, ma per accompagnare dirigenti e responsabili militari della provincia ed anche dell’Italia del Nord. A lei non ancora diciassettenne, è affidata la vita e la sicurezza di quelle persone che la seguono in bicicletta e si affidano alla sua intuizione e alla sua prudenza. Nel Luglio e Agosto del 1944 si trova in montagna, dove sfugge insieme alle formazioni partigiane al terribile rastrellamento tedesco. Poi di nuovo in pianura ad affiancare le Squadre e ad organizzare i Gruppi di difesa delle donne per la Resistenza e per l’emancipazione. Dal Marzo del 1945 ancora in montagna, 144^ Brigata Garibaldi, staffetta tra i distaccamenti e impegnata in comizi e riunioni per l’educazione democratica della popolazione e degli stessi partigiani.
Alla liberazione riprende a studiare da sola per recuperare i due anni che le mancano al diploma e ci riesce presentandosi però a Parma, perché ha un mese di tempo in più per prepararsi.
L’entusiasmo della conquistata democrazia la porta di nuovo nella lotta politica, nell’organizzazione dell’ Unione Donne Italiane e poi dell’Associazione delle ragazze. In questo contesto incontra a capo dell’organizzazione del Fronte della Gioventù, Claudio Truffi, che sposerà nel giugno del 1948 e seguirà a Novara, dove il giovane è chiamato con incarichi nel Partito Comunista. A lei viene affidata la redazione del settimanale provinciale “La Lotta”, organo della Federazione del PCI.
Nel 1954 e nel 1957 nascono i due figli Alberto e Corrado. Nel 1964 tutta la famiglia si trasferisce a Roma, dove Claudio Truffi, da tempo passato al sindacato, è chiamato alla CGIL nazionale a dirigere prima gli alimentaristi e poi gli edili.
Nel frattempo Teresa ha vinto il concorso magistrale e nell’impossibilità del trasferimento da Novara a Roma, è impiegata al Ministero della Pubblica Istruzione. Ne esce nel 1975, perché sceglie finalmente l’insegnamento, nel quale si impegna secondo i metodi didattici più innovativi. Per quindici anni, in collaborazione con gli operatori culturali del comune di Roma, e in particolare con la dottoressa Alberta Campitelli, attua programmi sperimentali sulla storia attraverso la conoscenza dei beni archeologici e artistici del territorio e della città. La zona di Cinecittà con gli acquedotti e le torri medioevali, poi la Roma barocca, le fontane, le piazze. La città diventa un libro, i ragazzi stampano giornalini periodici, si fanno mostre e conferenze. Importante l’incontro dei ragazzi col sindaco Petroselli e il gemellaggio di tre anni con una classe di Reggio Emilia che culmina in un soggiorno degli scolari per una settimana nella città corrispondente. Una parte di quella esperienza è contenuta in un libro dell’editore Giunti, uscito nel 1982, intitolato “Il giornalino scolastico in Italia” nel quale sono riprodotti i giornalini opera dei ragazzi nei cinque anni dal 1977 al 1981.
Da pensionata Teresa ha rievocato la sua esperienza di guerra nel volume “Storie di una staffetta partigiana”, uscito nel 2004 e in seconda edizione nel 2005 dagli Editori Riuniti. Ancora nel marzo del 2015 sempre per gli Editori Riuniti, è uscito “Un cielo pieno di nodi“, romanzo sulla guerra di Liberazione.
Quale appartenente all’ANPI, Teresa partecipa ai programmi di memoria nelle scuole di Roma, in collaborazione con la cooperativa culturale “Apriti Sesamo” insieme al vicepresidente dell’Anpi Primo De Lazzari.

 

Comune di
Bibbiano
Indirizzo: Piazza Damiano Chiesa, 2 - 42021 Bibbiano (RE)
telefono: 0522.253211 fax: 0522.882354 P.Iva: 00452960354
Posta elettronica certificata (PEC) bibbiano@cert.provincia.re.it e-mail: urp@comune.bibbiano.re.it

Portale internet realizzato da Progetti di Impresa srl © 2014