Benvenuto nella Rete Civica del Comune di Bibbiano(RE) - clicca per andare alla home page
motore di ricerca

Il Comune

Sindaco, Giunta, Consiglio ...e altre informazioni. Entra in:  Il Comune

Il Territorio

Informazioni sul territorio di Bibbiano Entra in:  Il Territorio

Servizi Online

MODULISTICA, sportelli informativi, casa, ambiente, tributi, sport, territorio... Entra in:  Servizi Online

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

CONTRIBUTI PER LE PERSONE CON DISABILITA’ GRAVE ANNO 2019

notizia pubblicata in data : giovedì 12 settembre 2019

CONTRIBUTI
PER LE PERSONE CON DISABILITA’GRAVE ANNO 2019
Legge Regionale n°29/1997

 

VISUALIZZA IL DOCUMENTO COMPLETO

 Finalità
La Legge regionale n.29/97, al fine di limitare le situazioni di dipendenza assistenziale e per favorire l’autonomia, la gestione e la permanenza nel proprio ambiente di vita delle persone in situazione di handicap grave, prevede contributi finalizzati all’acquisto di strumentazioni, ausili, attrezzature e arredi personalizzati secondo le modalità ed i criteri di seguito indicati.
 Chi può chiedere il contributo
Possono chiedere i contributi i cittadini nella situazione di handicap grave di cui all'art.3, comma 3, della Legge 5 febbraio 1992 n. 104 o chi ne esercita la potestà, la tutela o l’amministrazione di sostegno.
Ulteriore requisito di accesso ai contributi è un valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), riferito al nucleo familiare della persona con disabilità e all’anno di acquisto dell’attrezzatura, non superiore a € 23.260,00 euro .
 Per che cosa si può chiedere il contributo
Sono ammissibili le richieste di contributo relative alle spese effettuate nell’anno 2017 per l’acquisto di strumentazioni, ausili e attrezzature comprese nelle tre categorie previste all'articolo 10 della LR 29/97:
a) Strumentazioni tecnologiche ed informatiche per il controllo dell'ambiente domestico e lo svolgimento delle attività quotidiane.
Sono comprese in tale categoria sistemi di automazione domestica e strumentazioni tecnologiche ed informatiche funzionali ai bisogni della persona, quali ad esempio automazioni e motorizzazioni per infissi interni (ad es. porte, tapparelle…), strumentazioni per il controllo ambiente (ad es. interruttori, telecomandi…), strumentazioni di segnalazione e controllo a distanza (ad esempio campanello d'allarme…), telefoni speciali e strumentazioni di telesoccorso.
b) Ausili, attrezzature e arredi personalizzati che permettono di risolvere le esigenze di fruibilità della propria abitazione.
Sono compresi in tale categoria elettrodomestici, ausili e arredi, anche generici, purché con caratteristiche ergonomiche e tecniche funzionali alle abilità residue della persona (ad es. complementi di arredo anche automatizzati, specchio reclinabile speciale, sanitari e accessori per il bagno (ad es. pensili e accessori particolari, water e bidet, vasche speciali), acquisto e installazione impianti di condizionamento e deumidificazione, rampe mobili, ausili per la vita quotidiana  (ad es. stoviglie ed ausili per vestirsi…).
c) Attrezzature tecnologicamente idonee per avviare e svolgere attività di lavoro, studio e riabilitazione nel proprio alloggio, qualora la gravità della disabilità non consenta lo svolgimento di tali attività in sedi esterne.
Sono comprese in tale categoria attrezzature quali Personal Computer, periferiche e componenti standard, ausili per accesso al PC (ad esempio tastiera portatile con display e/o uscita vocale…), software educativi, riabilitativi o per la produttività scolastica e lavorativa, comunicatori simbolici e alfabetici.


.

 

Alla domanda sono da allegare:

- certificazione di handicap in situazione di gravità ai sensi dell’art. 3 comma 3 legge 104
- documentazione della spesa sostenuta (fattura o ricevuta fiscale indicante chiaramente li nome/tipologie dell'oggetto acquistato che non deve essere indicato tramite codici o sigle che, ovviamente, non potrebbero esssere decodificate dagli uffici amministrativi che espletano l'istruttoria delle domande)
- documentazione sulle caratteristiche tecniche e commerciali dell’ausilio o attrezzatura (documentazione di corredo fornita dalla ditta produttrice, relazione di un tecnico che ha fornito eventuale consulenza, in assenza relazione dettagliata scritta da chi presenta la domanda)
- autocertificazione relativa al valore Isee del nucleo famigliare.
Entità dei contributi e graduatorie
- fino al 50% della spesa sostenuta su un tetto massimo di spesa ammissibile di 14.903 euro per gli interventi di cui alla lettera a)
- fino al 50% della spesa sostenuta su un tetto massimo di spesa ammissibile di 12.611 euro per gli interventi di cui alla lettera b)
- fino al 50% della spesa sostenuta su un tetto massimo di spesa ammissibile di 4.586 euro per gli interventi di cui alla lettera c)
I Soggetti ammessi a finanziamento possono presentare ogni anno una sola domanda di contributo riguardante uno o più ausili, attrezzature, arredi o strumentazioni rientranti nelle tre categorie di cui alle lettere a), b) e c) dell'articolo 10 della LR 29/97, fermi restando per ogni categoria il tetto massimo di spesa ammissibile sopra riportato, nonché un tetto massimo di spesa ammissibile pari a euro 14.903 in caso di acquisto di ausili, attrezzature, arredi o strumentazioni rientranti in più di una delle tre categorie di cui trattasi.

 

 

 

Istruttoria delle domande

Il Servizio Sociale Integrato della Val d’Enza procederà all'istruttoria delle richieste verificandone l’ammissibilità e formulerà la graduatoria delle domande ammissibili avendo a riferimento il valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE).
I contributi saranno erogati ai richiedenti in ordine di graduatoria fino ad esaurimento delle risorse disponibili per i contributi in oggetto. I Soggetti ammessi a finanziamento possono presentare ogni anno una sola domanda di contributo riguardante uno o più ausili, attrezzature, arredi o strumentazioni rientranti nelle tre categorie.
Le graduatorie vengono redatte in base al parametro ISEE.
Il contributo ricevuto non costituisce reddito.
Le domande di contributo che per mancanza di fondi non vengono soddisfatte    rimangono valide per l’anno successivo.


TERMINI
  Le domande redatte su appositi moduli debbono essere presentate  alla segreteria Unione Vald'enza   per la protocollazione entro  il 28/2/2020  relativamente a spese sostenute  nell'anno 2019 .
 La richiesta può essere presentata presso lo SPORTELLO SOCIALE del Comune di Bibbiano aperto il lunedì – mercoledì – venerdì dalle 11 alle 13 oppure disponibile ad appuntamenti in altri orari telefonando al numero 0522-253261
 Le domande per spese sostenute nell'anno corrente 2020   sono presentabili solo a partire dal 1/3/2020 .
 A seguito della chiusura del bando  provvederà a dare comunicazione ad ogni cittadino in merito alla domanda presentata e si procederà  alla liquidazione   in base a graduatoria approvata .

 

 

 

 

 

 

 

 

Calendario Eventi
<< febbraio 2020 <<
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
             
Comune di
Bibbiano
Indirizzo: Piazza Damiano Chiesa, 2 - 42021 Bibbiano (RE)
telefono: 0522.253211 fax: 0522.882354 P.Iva: 00452960354
Posta elettronica certificata (PEC) bibbiano@cert.provincia.re.it e-mail: urp@comune.bibbiano.re.it
IBAN Tesoreria Comunale IT96S0200866160000104699008
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa srl © 2014