Benvenuto nella Rete Civica del Comune di Bibbiano(RE) - clicca per andare alla home page
motore di ricerca

Il Comune

Sindaco, Giunta, Consiglio ...e altre informazioni. Entra in:  Il Comune

Il Territorio

Informazioni sul territorio di Bibbiano Entra in:  Il Territorio

Servizi Online

MODULISTICA, sportelli informativi, casa, ambiente, tributi, sport, territorio... Entra in:  Servizi Online

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

CORONA VIRUS

notizia pubblicata in data : mercoledì 26 febbraio 2020

CORONA VIRUS

#Coronavirus Attivati i numeri di assistenza locale per informazioni e segnalazioni:

Misure  urgenti  in  materia  di  contenimento  e  gestione  dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale.
Divieto di assembramento e spostamenti di persone fisiche. Chiarimenti.

 

LINK ALLE DOMANDE FREQUENTI

 

SITI DI RIFERIMENTO PER INFORMAZIONI CORRETTE :

MINISTERO DELLA SALUTE

ISTITUTO SUPERIORE DELLA SANITA'

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA' OMS

 

Invitiamo tutti i cittadini a seguire le misure precauzionali adottate su tutto il territorio emiliano-romagnolo per limitare la diffusione del virus, su indicazione dell'ordinanza emessa dal Presidente della Regione e il Ministero della Salute.

 


Nuovo Coronavirus - Dieci comportamenti da seguire (SCARICA LE LOCANDINE NELLE SEGUENTI LINGUE in arabo, cinese, francese, hindi, inglese, punjabi, russo, urdu)

 

ORDINANZA  REGIONALE DEL 20/03/2020

AI SENSI DELL'ARTICOLO 32 DELLA
LEGGE 23 DICEMBRE 1978, E DELL'ART. 191 DEL D.LGS. 152/2006 N. 833. DISPOSIZIONI
URGENTI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI A SEGUITO DALL'EMERGENZA
EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19.


 

ORDINANZA REGIONALE DEL 18/03/202O IN TEMA DI MISURE PER LA GESTIONE DELL'EMERGENZA SANITARIA LEGATA ALLA DIFFUSIONE DELLA SINDROME DA COVID-19. CONTRASTO ALLE FORME DI ASSEMBRAMENTO DI
PERSONE.

 

 

ORDINANZA DEL MINISTERO DELLA SALUTE IN CONCERTO CON IL PRESIDENTE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA DEL 3/04/2020

 

COMUNE DI BIBBIANO:

ORDINANZA N 6 DEL 17/03/2020
ORDINANZA CONTENENTE LE MISURE URGENTI DI
CONTENIMENTO E GESTIONE DELL' EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID 19, DA ADOTTARE
NEL TERRITORIO COMUNALE

 

 DECRETI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 01/04/2020

 

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL
22/03/2020
- ALLEGATO 1

CIRCOLARE ESPLICATIVA DPM 22/03/2020

ELENCO ATTIVITA' CHE POSSONO TENERE APERTO E ATTIVITA' CHE DEVONO OBBLIGATORIAMENTE CHIUDERE SECONDO L'ULTIMO DECRETO

SINTESI

Coronavirus: il DPCM 22 marzo 2020 chiude tutte le attività produttive non essenziali.

Il presidente del Consiglio Conte ha firmato il nuovo decreto che, oltre a prevedere la serrata di tutte le attività produttive non essenziali (ma l'elenco delle ammesse è comunque corposo), vieta gli spostamenti tra comuni e allunga fino al 3 aprile 2020 le misure del DPCM 11 marzo 2020 (quello che chiudeva tutte le attività commerciali)

Nella serata di domenica 22 marzo, il premier Conte e il Ministro della Salute Speranza hanno firmato il DPCM del 22 marzo 2020, l'ultimo di una lunga serie che dispone la chiusura di svariate attività produttive italiane. Decreto pubblicato nella G.U. n. 76 del 22/03/2020. 

Le disposizioni del decreto producono effetto dal 23 marzo 2020 e resterà in vigore fino al 3 aprile 2020. In attesa della pubblicazione in Gazzetta ufficiale, è disponibile il testo firmato nella serata del 22 marzo 2020 con l'Allegato A, che contiene la lista delle attività essenziali 'esentate' dalla chiusura.

 

Le chiusure: riepilogo -Fino al prossimo 3 aprile 2020,

  • sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell’allegato 1 ( elenco di codici ATECO 'ammessi'), che eventualmente potrà essere modificato con altri decreti;
  • le attività produttive  sospese possono comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile;
  • le attività professionali non sono sospese e restano ferme le previsioni di cui all’art. 1, punto 7, DPCM 11 marzo 2020 (incentivare lavoro agile, incentiviare ferie, sospese le attività non indispensabili, assunzione di protocolli anti-contagio);
  • per le pubbliche amministrazioni resta fermo quanto previsto dall’art. 87 del decreto legge 18/2020;
  • resta fermo, per le attività commerciali, quanto disposto dal DPCM 11 marzo 2020 e dall’ordinanza del Ministro della Salute del 20 marzo 2020.

NB - le imprese le cui attività sono sospese per effetto del presente decreto completano le attività necessarie alla sospensione entro il 25 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza.

Vietato spostarsi da un comune all'altro

  • è vietato a tutte le persone fisiche trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati dal comune in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute;
  • di conseguenza, all’articolo 1 comma 1 lettera a) del dpcm 8 marzo 2020 le parole “è consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza” sono soppresse; 

Ulteriori eccezioni: cosa resta consentito

  • restano consentite anche le attività che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all’allegato 1, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva, nella quale sono indicate specificamente le imprese e le amministrazioni beneficiarie dei prodotti e servizi attinenti alle attività consentite; il Prefetto può sospendere le predette attività qualora ritenga che non sussistano le condizioni di cui al periodo precedente. Fino all’adozione dei provvedimenti regionali di sospensione dell’attività, essa è legittimamente esercitata sulla base della comunicazione resa;
  • sono comunque consentite le attività che erogano servizi di pubblica utilità, nonchè servizi essenziali di cui alla legge 146/1990. Resta tuttavia ferma la sospensione del servizio di apertura al pubblico di musei e altri istituti e luoghi della cultura nonché dei servizi che riguardano l’istruzione ove non erogati a distanza o in modalità da remoto nei limiti attualmente consentiti;
  • è sempre consentita l’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici nonché di prodotti agricoli e alimentari;
  • è consentita ogni attività comunque funzionale a fronteggiare l’emergenza;
  • sono consentite le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva, dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti;
  • sono consentite le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale, previa autorizzazione del Prefetto della provincia ove sono ubicate le attività produttive.

 

DECRETO DEL MINISTRO DELLA SALUTE DEL 20/03/2020

 

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 11/03/2020

 

DECRETO  DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PUBBLICATO IN DATA 8 MARZO 2020

 

 

Cosa fare in caso di sospetta infezione da Coronavirus

Le persone con sintomi respiratori sospetti non devono recarsi spontaneamente né al Pronto Soccorso né in qualsiasi altro ambulatorio. In caso di febbre e/o tosse l’invito è di non presentarsi di persona, ma telefonare al Medico di medicina generale, Pediatra di libera scelta, Servizio di Continuità Assistenziale. Il medico valuterà se effettuare la visita al domicilio. In caso di sintomi respiratori importanti chiamare il 118. Per informazioni è a disposizione dei cittadini il numero nazionale di pubblica utilità 1500, funzionante 24 ore su 24.

L’attività ambulatoriale programmata prosegue normalmente.

Secondo le disposizioni dell’Ordinanza del Ministero della Salute d’intesa con il Presidente della Regione Emilia-Romagna del 23 febbraio scorso, negli ospedali è prevista una limitazione dell’accesso dei visitatori alle aree di degenza, preferibilmente una persona per paziente al giorno. C’è, inoltre l’obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso in Emilia-Romagna da zone a rischio epidemiologico come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva. www.ausl.re.it

 

 

Calendario Eventi
<< aprile 2020 <<
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
Comune di
Bibbiano
Indirizzo: Piazza Damiano Chiesa, 2 - 42021 Bibbiano (RE)
telefono: 0522.253211 fax: 0522.882354 P.Iva: 00452960354
Posta elettronica certificata (PEC) bibbiano@cert.provincia.re.it e-mail: urp@comune.bibbiano.re.it
IBAN Tesoreria Comunale IT96S0200866160000104699008
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa srl © 2014